EPACA

e Coldiretti

Opzione Donna

Novità Legge di Bilancio 2024

Con l’approvazione della Legge di Bilancio 2024, si delineano importanti novità che riguardano il regime c.d. “Opzione Donna.” Questo regime, come recentemente modificato dall’art. 1, comma 292 della legge n. 197/2022, subisce una significativa proroga a beneficio delle lavoratrici che hanno maturato i requisiti entro il 31 dicembre 2022, estendendosi anche a coloro che raggiungono i requisiti entro il 31 dicembre 2023.

Il riconoscimento di questo beneficio è vincolato a specifiche condizioni, destinate a garantire supporto alle lavoratrici in situazioni di particolare difficoltà. Esaminiamole nel dettaglio.

Modifiche al Requisito Anagrafico

La Legge di Bilancio 2024 introduce importanti modifiche al requisito anagrafico per accedere al beneficio. Tale requisito, precedentemente di 60 anni e congiunto ai 35 anni di anzianità contributiva al 31 dicembre 2023, subisce un rilevante adeguamento.

Con la nuova normativa, il requisito anagrafico viene innalzato a 61 anni. Tuttavia, è prevista una riduzione di un anno per ogni figlio, nel limite massimo di due anni. Questo significa che le lavoratrici che abbiano almeno un figlio potranno beneficiare di una riduzione dell’età anagrafica richiesta per accedere al regime, con una diminuzione massima di due anni.

ATTENZIONE:

Per le sole lavoratrici licenziate o dipendenti da imprese in crisi i requisiti sono 59 anni e 35 anni di contributi entro il 31 dicembre 2023. Si prescinde, cioè, dal numero di figli.

In pensione con “Opzione Donna”

L’Opzione Donna è una misura previdenziale che permette alle donne di andare in pensione anticipatamente, con il sistema contributivo. Introdotta sperimentalmente nel 2004 l’Opzione Donna consente il pensionamento con requisiti diversi da quelli richiesti dalle altre forme pensionistiche, per venire in contro alle esigenze delle donne lavoratrici.

Viso di donna anziana pensionata

Novità 2023 su Opzione Donna

Dal 2023 cambiano le condizioni per accedere ad Opzione Donna, ora è necessario:

  • Avere 60 anni di età (sia per le dipendenti che le autonome) unitamente a 35 anni di contributi maturati (entrambi i requisiti) entro il 31 dicembre 2022. Il requisito anagrafico scende di un anno (59 anni) in presenza di un figlio e di due anni in presenza di due figli (58 anni).
  • Per le sole lavoratrici licenziate o dipendenti da imprese in crisi i requisiti sono 58 anni e 35 anni di contributi entro il 31 dicembre 2022. Si prescinde, cioè, dal numero di figli.

Le lavoratrici, in possesso dei requisiti anagrafici e contributivi, possono accedere alla pensione anticipata Opzione donna nel caso in cui si trovino in almeno una delle seguenti condizioni:

  1. Svolgere assistenza al momento della richiesta di prepensionamento e da almeno sei mesi al coniuge o all’unito civilmente o a un parente di primo grado convivente con handicap in situazione di gravità (ai sensi dell’art. 3, comma 3, della legge 104/1992) ovvero un parente o un affine di secondo grado convivente qualora i genitori o il coniuge o l’unito civilmente della persona con handicap in situazione di gravità abbiano compiuto i 70 anni d’età oppure siano anch’essi affetti da patologie invalidanti o siano deceduti o mancanti;
  2. Soffrire di una riduzione della capacità lavorativa superiore o uguale al 74%, accertata dalle competenti commissioni per il riconoscimento dell’invalidità civile;
  3. Risultare licenziata o dipendente da imprese per le quali è attivo un tavolo di confronto per la gestione della crisi aziendale, presso la struttura per la crisi d’impresa di cui all’articolo 1, comma 852, della legge 27 dicembre 2006, n. 296. Il tavolo di confronto deve essere attivo alla data del 1° gennaio 2023 ovvero deve essere stato attivato in data successiva. 

Requisiti prima del 2023

L’opzione donna ad oggi non risulta essere una misura strutturale, nel corso degli anni ci sono state diverse proroghe della prestazione, ultima quella nel 2023, che ha aggiunto ulteriori requisiti rispetto a quelle degli anni precenti.

Per accedere al beneficio prima dell’aggiornamento del 2023 era necessario:

  • aver maturato un’anzianità contributiva di almeno 35 anni entro il 31 dicembre 2021
  • aver compiuto almeno 58 anni di età se si tratta di lavoratrici dipendenti e 59 anni di età se lavoratrici autonome.

Da quando decorre la pensione?

Possono accedere all’Opzione Donna le lavoratrici che abbiano compiuto i 58 anni di età, se lavoratrici dipendenti, o i 59 anni di età se lavoratrici autonome, oltre ad aver maturato almeno 35 anni di contributi previdenziali entro il 31 dicembre 2021.

Se raggiunti entrambi i requisiti, le lavoratrici conseguono il diritto alla decorrenza del trattamento pensionistico trascorsi:

  1. Dodici mesi dalla data di maturazione dei previsti requisiti, nel caso in cui il trattamento pensionistico sia liquidato a carico delle forme di previdenza dei lavoratori dipendenti;
  2. Diciotto mesi dalla maturazione dei requisiti, nel caso in cui il trattamento sia liquidato a carico delle gestioni previdenziali dei lavoratori autonomi.

Le donne interessate a questa pensione anticipata possono rivolgersi ai nostri uffici per una valutazione della propria posizione assicurativa e la verifica del possesso di tutti i requisiti. Saremo a vostra completa disposizione per controllare ogni singola possibilità di uscita adatta per ognuna di voi.

Lavoratrici comparto scuola

Discorso diverso, rispetto a quanto finora descritto, per le lavoratrici del comparto scuola e dell’Alta Formazione Artistica Musicale e Coreutica (AFAM). In presenza dei requisiti di spettanza vi è un’unica finestra di accesso, collocata rispettivamente a decorrere dal 1° settembre o dal 1° novembre dell’anno interessato.

Come funziona

L’Opzione Donna, presenta requisiti diversi rispetto a tutti gli altri metodi di pensionamento. Come anche diverso è il calcolo dell’assegno. Opzione Donna adotta il calcolo contributivo, di solito adottato per chi ha iniziato a lavorare dopo il 1° gennaio 1996. L’importo dipende dai contributi versati nell’intera vita lavorativa, dall’età al pensionamento e dal relativo coefficiente di trasformazione.

Non è detto che l’assegno così calcolato sia sfavorevole rispetto all’utilizzo degli altri due metodi (quello retributivo o misto), ma nella maggior parte dei casi si può osservare una riduzione dell’assegno di circa il 30€.

Date le particolarità dell’istituto e considerato che potrebbe permettere a molte lavoratrici di uscire precocemente dal mercato del lavoro e dedicarsi alla cura della famiglia o dei propri interessi è indubbiamente un’opportunità da valutare attentamente con l’aiuto dei nostri consulenti.

Contatta l’ufficio più vicino a te, i nostri specialisti ti offriranno una consulenza specifica per il tuo caso!

Novità 2024 su Opzione Donna

A partire dall’incontro con i sindacati del 26 giugno, il ministro del lavoro ha iniziato un dialogo per discutere le potenziali modifiche alla riforma pensionistica prevista per il 2024 e gli anni seguenti. Tra i punti all’ordine del giorno, c’è anche la questione dell’Opzione Donna, rivedendo il programma di pensionamento anticipato per le lavoratrici. Le possibili modifiche potrebbero portare cambiamenti significativi per le donne che si avvicinano alla pensione.

Le condizioni potrebbero cambiare. Ci sono diverse proposte al vaglio del governo. Molti vorrebbero tornare alle condizioni del 2022, che prevedevano un’età pensionabile di 58 anni (59 per le lavoratrici autonome) con 35 anni di contributi.

Altre ipotesi in discussione prevederebbero o l’uscita anticipata con 35 anni di contributi per tutte le donne di 60 anni, indipendentemente dal numero di figli, oppure introdurre un meccanismo simile all’Ape sociale, che permetterebbe il pensionamento anticipato a partire dai 60 o 61 anni, anziché 63.

La decisione finale non è stata ancora presa, e sarà uno dei temi principali dei futuri tavoli d’incontro.